News Parassiti e Infestanti

Virus Nipah, una zoonosi emergente

L’infezione da virus Nipah (NiV) è una zoonosi  – malattia trasmessa all’uomo dagli animali – emergente che causa gravi malattie sia negli animali sia nell’uomo. L’ospite naturale del virus è un pipistrello della famiglia dei Pteropodidae, genere 1280px-Henipavirus_structure.svgPteropus.

Le zone geografiche

Il virus Nipah è stato riconosciuto per la prima volta nel 1999 durante un’epidemia tra allevatori di suini in Malesia. Dal 1999 non sono stati segnalati nuovi focolai in Malesia. È stato anche riconosciuto in Bangladesh nel 2001 e da allora in quel paese si sono verificati quasi ogni anno epidemie. La malattia è stata identificata periodicamente anche nell’India orientale.

Altre regioni potrebbero essere a rischio di infezione, poiché sono state trovate prove del virus nel serbatoio naturale conosciuta del NiV (pipistrelli Pteropus) e in molte altre specie di pipistrelli in numerosi paesi, tra cui Cambogia, Ghana, Indonesia, Madagascar, Filippine, e Thailandia.Hendra-distribution-map

Dal 1 giugno 16 persone sono morte per un focolaio del virus Nipah in Kerala, in India. L’epidemia è iniziata il 19 maggio, quando a causa di questo virus ci sono stati tre morti in una famiglia nel distretto di Kozhikode; in seguito è deceduto anche un operatore sanitario che aveva fornito un trattamento alla stessa famiglia.

Tre dei quattro decessi sono stati confermati come virus Nipah. Finora – come è stato pubblicato in un articolo su The Lancet – sono stati testati 203 campioni  e 18 sono risultati positivi al virus Nipah (compresi i 16 che sono morti). Tutti i pazienti che morirono provenivano da Kozhikode e Malappuram nel Kerala.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) si occupa del fatto e sostiene i paesi colpiti e a rischio con una guida tecnica su come gestire i focolai del virus Nipah e su come prevenirne l’insorgenza.881px-Seychelles_Fruit_Bat_-_Pteropus_seychellensis_4

Il rischio di trasmissione a livello internazionale attraverso la frutta o i prodotti a base di frutta (come il succo di palma da dattero crudo) contaminato con urina o saliva dai pipistrelli infetti può essere prevenuto lavando accuratamente e sbucciandoli prima del consumo. I frutti con segni di morsi di pipistrello devono essere scartati.

Di cosa si tratta, in breve:

  • L’infezione da virus Nipah nell’uomo clinicamente si presenta in varie forme, dall’infezione asintomatica (subclinica) alle infezioni respiratorie acute e all’encefalite fatale.
  • Il tasso di mortalità del caso è stimato tra il 40% e il 75%. Questo tasso può variare in base al focolaio a seconda delle capacità locali di sorveglianza epidemiologica e della gestione clinica.
  • Il virus Nipah può essere trasmesso agli esseri umani dagli animali (come pipistrelli o maiali) o cibi contaminati e può anche essere trasmesso direttamente da uomo a uomo.
  • I pipistrelli della famiglia dei Pteropodidi sono l’ospite naturale del virus Nipah.
  • Non sono disponibili trattamenti o vaccini per persone o animali. Il trattamento primario per l’uomo è la terapia di supporto.
  • La revisione annuale 2018 dell’elenco delle malattie prioritarie per la ricerca e lo sviluppo dell’OMS indica che vi è un’urgente necessità di accelerare la ricerca e lo sviluppo a propisito di questo virus.

Come avviene la trasmissione

Nel primo focolaio riconosciuto in Malesia – che ha colpito anche Singapore – la maggior parte delle infezioni umane derivava dal contatto diretto con maiali malati o con i loro tessuti contaminati. Si pensa che la trasmissione sia avvenuta tramite il contatto con le secrezioni dei maiali o con il tessuto di un animale malato.virus Nipah

Nelle epidemie successive in Bangladesh e in India, la più probabile fonte di infezione era il consumo di frutta o prodotti a base di frutta (come il succo di palma da dattero crudo) contaminato con urina o saliva dai pipistrelli infetti.

Attualmente non esistono studi sulla persistenza virale nei fluidi corporei o nell’ambiente, compreso nei frutti. La trasmissione da uomo a uomo del virus Nipah è stata anche segnalata tra le famiglia e le persone che si prendevano cura di pazienti infetti.

Durante gli ultimi focolai in Bangladesh e in India, il virus Nipah si è diffuso direttamente da uomo a uomo attraverso stretti contatti con le secrezioni e le escrezioni delle persone infette. A Siliguri, in India, nel 2001, è stata segnalata la trasmissione del virus  anche in un contesto di assistenza sanitaria, dove il 75% dei casi si è verificato tra il personale ospedaliero  e i visitatori. Dal 2001 al 2008, circa la metà dei casi segnalati in Bangladesh erano imputabili alla trasmissione da uomo a uomo con l’assistenza ai pazienti infetti.

Segni e sintomi

Le infezioni umane vanno dall’infezione asintomatica all’infezione respiratoria acuta (lieve, grave) e all’encefalite fatale. Le persone infette sviluppano inizialmente sintomi come febbre, mal di testa, mialgia (dolore muscolare), vomito e mal di gola. Questo può essere seguito da vertigini, sonnolenza, coscienza alterata e segni neurologici che indicano l’encefalite acuta. Alcune persone possono anche presentare una polmonite atipica e gravi problemi respiratori, tra cui sofferenza respiratoria acuta. Nei casi gravi si verificano encefalite e convulsioni, che evolvono in coma entro 24 a 48 ore.

Si ritiene che il periodo di incubazione (il tempo dall’infezione alla comparsa dei sintomi) sia compreso tra 4 e 14 giorni. Tuttavia, è stato segnalato un periodo di incubazione fino a 45 giorni.Influenza_virus_research

La maggior parte delle persone che sopravvivono all’encefalite acuta si riprende completamente, ma nei sopravvissuti sono state riportate dei disturbi neurologici a lungo termine. Circa il 20% dei pazienti ha conseguenze neurologiche residue come disturbi convulsivi e alterazioni della personalità. In un piccolo numero di casi i soggetti guariti soffrono in seguito a una ricaduta o per una encefalite a insorgenza ritardata.

Si stima che il tasso di mortalità del caso sia tra il 40% e il 75%: tasso che può variare in base al focolaio, a seconda delle capacità locali per la sorveglianza epidemiologica e della gestione clinica.

Diagnosi

I segni e i sintomi iniziali dell’infezione da virus Nipah non sono specifici e la spesso non si sospetta la malattia. Ciò può ostacolare una diagnosi esatta e creare difficoltà per rilevare i focolai, e quindi attuare misure efficaci e rapide di lotta contro le infezioni.

Inoltre, la qualità, la quantità, il tipo, i tempi di raccolta dei campioni clinici, la data di prelievo e il tempo necessario per trasferire i campioni in laboratorio possono influire sull’accuratezza dei risultati di laboratorio.

L’infezione da virus Nipah può essere diagnosticata con anamnesi clinica durante la fase acuta e la fase di convalescenza della malattia.

Il trattamento

Attualmente non esistono farmaci o vaccini specifici per l’infezione da virus Nipah, sebbene l’OMS abbia identificato Nipah come una malattia prioritaria per il Progetto di ricerca e sviluppo. Si raccomanda una terapia di supporto intensiva per il trattamento di gravi complicanze respiratorie e neurologiche.

Ospite naturale: il pipistrello della frutta

I pipistrelli della famiglia Pteropodidae – in particolare le specie appartenenti allo Pteropusgenus – sono gli ospiti naturali del virus Nipah, che spparentemente sembrano non soffrirne.Indian_flying_foxes_(Pteropus_giganteus_giganteus)

Si presume che la distribuzione geografica degli Henipavirus si sovrapponga a quella della categoria Pteropus, ipotesi rafforzata per l’evidenza di infezione da Henipavirus in pipistrelli Pteropus provenienti da Australia, Bangladesh, Cambogia, Cina, India, Indonesia, Madagascar, Malesia, Papua Nuova Guinea, Thailandia e Timor Leste.

I pipistrelli africani del genere Eidolon, famiglia Pteropodidae, sono stati trovati positivi per gli anticorpi contro i virus Nipah e Hendra, indicando che questi virus potrebbero essere presenti nella distribuzione geografica dei pipistrelli Pteropodidae in Africa.

Il Virus Nipah negli animali domestici

Epidemie del virus Nipah nei suini e in altri animali domestici come cavalli, capre, pecore, gatti e cani sono stati segnalate per la prima volta durante l’iniziale epidemia della Malesia nel 1999. Il virus è altamente contagioso nei maiali. I suini infettati sono contagiosi durante il periodo di incubazione, che dura da 4 a 14 giorni.

Un maiale infetto può non manifestare alcun sintomo, ma alcuni sviluppano una malattia febbrile acuta, una respirazione affannosa e sintomi neurologici come tremori, spasmi e spasmi muscolari. Generalmente, la mortalità è bassa tranne che nei giovani. Questi sintomi non sono drammaticamente diversi dalle altre malattie respiratorie e neurologiche dei suini. Si deve sospettare che si tratti di virus Nipah se i suini presentano anche una insolita tosse abbaiante  o se si osservano casi di encefalite nell’uomo.

La prevenzione

Controllo del virus Nipah nei maiali 

Attualmente, non ci sono vaccini disponibili contro il virus Nipah. Sulla base dell’esperienza acquisita durante lo scoppio di Nipah che ha coinvolto allevamenti di suini nel 1999, la pulizia e la disinfezione sistematiche e accurate degli allevamenti di suini con detergenti appropriati possono essere efficaci nel prevenire le infezioni.

Se si sospetta un focolaio, i locali degli animali dovrebbero essere messi immediatamente in quarantena. Per ridurre il rischio di trasmissione alle persone può essere necessario abbattere gli animali infetti – attuando una stretta supervisione della sepoltura o dell’incenerimento delle carcasse. Limitare o vietare il movimento di animali da fattorie infette ad altre aree può ridurre la diffusione della malattia.

Poiché i focolai del virus Nipah coinvolgono maiali e/o pipistrelli della frutta, è essenziale istituire un sistema di sorveglianza della salute animale, per riconoscere i nuovi casi e allertare tempestivo i servizi veterinari e le autorità di salute pubblica.

Ridurre il rischio di infezione per le persone

In assenza di un vaccino, l’unico modo per ridurre o prevenire l’infezione nelle persone è aumentare la consapevolezza dei fattori di rischio e istruire le persone sulle misure che possono adottare per ridurre la loro esposizione al virus Nipah.

I messaggi educativi sulla salute pubblica dovrebbero concentrarsi su:

  • Riduzione del rischio di trasmissione da pipistrello a umano – Gli sforzi per prevenire la trasmissione dovrebbero concentrarsi innanzitutto sulla riduzione dell’accesso ai pipistrelli alla linfa di palma da dattero e ad altri prodotti alimentari freschi. Può essere utile tenere lontani i pipistrelli dai siti di raccolta delle linfe con coperture protettive (come gonne di linfa di bambù). Il succo di palma appena raccolto dovrebbe essere bollito e la frutta dovrebbe essere accuratamente lavata e sbucciata prima del consumo. I frutti con segno di morsi di pipistrello dovrebbero essere scartati.
  • Riduzione del rischio di trasmissione da animale a uomo – Si devono indossare guanti e altri indumenti protettivi mentre si maneggiano animali malati o i loro tessuti e durante le procedure di macellazione e abbattimento. Per quanto possibile, le persone dovrebbero evitare di essere in contatto con i maiali infetti. Nelle aree endemiche, quando si stabiliscono nuovi allevamenti di suini, è necessario prendere in considerazione la presenza di pipistrelli della frutta nella zona e, quando possibile, proteggere i mangimi per i maiali e i capannoni.
  • Riduzione del rischio di trasmissione da uomo a uomo - Dovrebbe essere evitato il contatto fisico non protetto con persone infettate da virus di Nipah. Il lavaggio manuale delle mani dovrebbe essere effettuato regolarmente dopo aver curato o visitato persone malate.

Fonte: OMS, The Lancet