La farfalle Monarca in pericolo per un parassita

La minaccia per le farfalle MonarcaDanaus plexippus viene dalle piante acquatiche che non sono native nei territori da loro frequentati.

Le asclepiadi, circa 100 piante delle Asclepiadaceae, forniscono cibo, riparo e nettare per questo insetto – e le loro larve si sviluppano su queste piante – che rappresenta un’icona per gli Stati Uniti (nel 1989 è stato nominata ‘insetto nazionale‘ degli USA).

Il viaggio delle farfalle

La monarca ha una grande resistenza al volo, che le consente un lungo percorso ogni anno per andare a svernare al sud: in questo viaggio, per 2.000 miglia, milioni di farfalle monarca galleggiano da asclepiade a euforbia e altri fiori nativi. Ma negli ultimi anni le cose sono diventate rischise per i lepidotteri arancioni e neri: alcune monarca non migrano più a causa delle alghe – non native nel Sud – che ospitano parassiti (Ophryocystis elektroscirrha).

Cos’è successo? Negli ultimi 20 anni, un maggiore uso di erbicidi e altre pratiche di coltivazione hanno decimato la popolazione dell’asclepiade comune, molto abbondante nel Midwest. Si ritiene perciò che la perdita di 1,3 miliardi di gambi di asclepiade negli ultimi decenni sia il fattore principale del declino delle farfalle, che da 682 milioni nel 1997 sono passate a 93 milioni nel 2018.

In risposta, molti coltivatori hanno iniziato ad aggiungere alle loro piantagioni nelle regioni costiere come Carolina del Sud, Texas e Florida altre specie di asclepiade, compresa l’asclepiade tropicale non nativa, Asclepias curassavica. A differenza però delle alghe autoctone, che si estinguono a fine estate costringendo le monarca ad andare avanti, il cugino tropicale vive tutto l’anno, fornendo ai  bruchi foglie da masticare e agli adulti fiori da cui possono attingere. E quindi in alcune aree si sono costituite colonie di monarca residenti tutto l’anno. 

Le asclepiadi ospitano un parassita, Ophryocystis elektroscirrha, che infetta la farfalla, accorcia la loro vita e rende difficile il volo. Quando la pianta indigena si estingue, il parassita muore con lei – il che significa che ogni primavera c’è nettare fresco e incontaminato – ma poiché l’erba tropicale non muore, i parassiti continuano a diffondersi.

La ricerca

Gli ecologi dell’Università della Georgia volevano capire in che modo questa nuova pianta e queste nuove colonie di monarca avrebbero potuto influire sulla popolazione migratoria naturale. In autunno e in primavera, il team ha lavorato a fianco di cittadini-scienziati in 9 siti lungo la costa del Texas: la metà di questi siti conteneva solo specie native e l’altra metà includeva asclepiade tropicale. Il team ha campionato 500 farfalle ed è stato in grado di distinguere tra insetti residenti e insetti migratori analizzando le loro ali, perché il tipo di asclepiade che masticano e il luogo in cui cresce lascia un’impronta chimica.

Dara Satterfield, leader di questa ricerca, spiega che lo scopo era capire se le farfalle migratrici relativamente sane entravano in contatto con queste farfalle davvero malate lungo le loro rotte migratorie e se mostravano di essere a più alto rischio per i parassiti, o cambiando i loro comportamenti di movimento.

Lo studio pubblicato su Ecology Letters evidenzia che circa il 95% dei monarchi residenti che si nutrono di piante tropicali sono stati infettati dal parassita, mentre solo il 9% dei monarchi migratori lo presentava. Tuttavia, circa il 25% dei monarchi migratori che hanno visitato i loro cugini negli ambienti con l’erba dei tropici ha presentato l’infezione.

Questo non significa che le farfalle migratrici stanno prendendo l’insetto dai loro cugini sedentari, anche se è possibile. Invece, i monarchi migratori parassiti infetti possono aver abbandonato il lungo viaggio per motivi di salute e, invece di morire, hanno trovato un posto piacevole e comodo dove riposare. È anche possibile che, una volta trovato il verde e sano delle piante tropicali, si inneschino cambiamenti biologici che ne impediscono la migrazione e iniziano l’accoppiamento.

Questo non è l’unico problema con la pianta che viene dai tropici. Il team ha anche scoperto che in primavera, quando le monarca iniziano a migrare verso nord, alcuni di loro si fermano e depongono le loro uova nelle colonie di asclepiadi tropicali, aumentando le probabilità che i loro bruchi in via di sviluppo siano infettati dal parassita.

Potrebbe sembrare piacevole avere farfalle monarca tutto l’anno, ma la loro migrazione ha scopi importanti: il lungo viaggio estenuante tende a eliminare la popolazione di insetti infetti da parassiti, mantenendo nel loro insieme le monarca più sicure. L’erba tropicale, invece, sostenendo le popolazioni residenti con alti tassi di infezione, fa prevalere il parassita.

La situazione ha può avere un impatto negativo sulla farfalla, perché – come afferma Mark Hunter dell’Università del Michigan, co-autore dello studio, l’ecologia della monarca è intimamente legata a quella delle loro piante. Quando si altera la distribuzione e l’abbondanza delle asclepiadi, introducendo specie esotiche o eliminando specie autoctone, si prevedono conseguenze negative per la monarca.

Come risolvere il problema?

Mentre altri fattori che incidono sui monarchi richiedono molti sforzi per risolvere il problema – come piantare miliardi di gambi di euforbia, modificare l’uso di insetticidi, creare corridoi di habitat e in qualche modo impedire alle automobili di uccidere gli insetti – esiste anche una soluzione più semplice.

I ricercatori suggeriscono di sostituire l’erba tropicale con piante autoctone. E se ciò non è allettante, raccomandano di tagliare le piante a gambi di sei pollici verso la fine dell’estate e l’autunno, il che non danneggerà la pianta in quanto ricrescerà rapidamente, ma incoraggerà le monarca a continuare il loro antico viaggio in Messico piuttosto che fare un ‘pitstop‘ parassitario.

Qualche info sulla farfalla Monarca

La monarcaDanaus plexippus, è una farfalla della famiglia Nymphalidae, nativa dell’America.

Lo sviluppo, dall’uovo all’adulto, si completa in circa 30 giorni.

La monarca è l’insetto nazionale degli stati dell’Alabama, Idaho, Illinois e Texas, e la ‘farfalla nazionale‘ del Minnesota, Vermont e Virginia Occidentale.

Ha una grande resistenza al volo che le consente di compiere lunghe migrazioni. È distribuita in quasi tutta l’America, dal Canada meridionale al Rio delle Amazzoni.

A partire dal diciannovesimo secolo è stata trovata anche in Indonesia, in Nuova Zelanda e in Australia, dove è conosciuta come farfalla migratrice. In Europa è residente nelle isole Canarie e a Madera, mentre nelle Azzorre, in Portogallo e in Spagna compaiono occasionalmente individui migranti.

Fonte: Smithsonianmag